La storia di Hitomi La

Hitomi La è cresciuta in una famiglia di immigrati giapponesi negli anni ’70. Di conseguenza, i suoi genitori spesso avevano difficoltà a parlare inglese e lei veniva spesso criticata da altri bambini a scuola per non aver imparato la lingua. I suoi genitori hanno fatto tutto il possibile per fornire alla figlia una buona istruzione, compresi i viaggi in Giappone, che ha causato loro alcune difficoltà a causa della barriera linguistica, ma sono stati comunque in grado di far accettare la figlia in un college della Ivy League.

Da adolescente, Hitomi era un membro di un piccolo gruppo di amici simile a una confraternita, e aveva sempre l’atteggiamento di essere la migliore e la più brillante nella stanza. Ma, invecchiando, si è ritrovata a guardare indietro a quel momento della sua vita e a rendersi conto che forse si sarebbe lasciata andare troppo, anche se era così intelligente. Riuscì a ricominciare a pensare razionalmente. Iniziò anche a rendersi conto che non doveva convivere con quello che le era successo, ed era disposta a fare tutto il necessario per risolvere i problemi che aveva.

Quando Hitomi raggiunse il college, si era resa conto che avrebbe avuto bisogno di guardare alla propria vita in modo un po ‘diverso, quindi si è presa il suo tempo per scegliere il suo maggiore. Alla fine ha scelto le discipline umanistiche e ne è stata entusiasta. Amava leggere, quindi decise che si sarebbe laureata in classici e avrebbe studiato greco antico, latino e persino sanscrito. Tuttavia, voleva anche studiare il buddismo, quindi si è unita a un programma interdisciplinare che includeva antropologia, filosofia e sociologia.

Dopo il suo primo anno alla Harvard Law School, Hitomi ei suoi compagni di classe erano entusiasti di frequentare una prestigiosa scuola di legge. Erano ansiosi di iniziare a lavorare sui loro impiegati, ma Hitomi scoprì che molti dei suoi amici non solo avevano frequentato questa scuola, ma erano anche diventati dei migliori avvocati. Stava diventando ovvio che Hitomi aveva bisogno di ottenere un JD da Harvard prima ancora di poter iniziare a fare domanda per uno studio legale a New York o altrove. Voleva salire sulla corsia preferenziale verso il successo il prima possibile.

Hitomi ha scoperto presto che non si trattava solo di scuola di legge che i suoi coetanei stavano cercando. Riuscì a fare nuove amicizie in ogni dipartimento della facoltà di giurisprudenza e scoprì che una grande percentuale della popolazione era di origine asiatica americana. chi ha apprezzato tutti gli aspetti del campo legale? Ha anche incontrato un conoscente degli anni del liceo e lei e lui sono diventati grandi amici. È diventato una delle prime persone che ha chiamato come avvocato, e hanno iniziato a conoscersi meglio e si sono divertiti in classe e in pratica.

Alla fine Hitomi riuscì ad assicurarsi un posto nella Harvard’s Law Review, e scrisse di quello che faceva nei suoi studi e di dove voleva intraprendere la sua carriera. Ciò ha portato alla sua nomina a professore presso la Graduate School of Law di Harvard.